Parlano alcuni pazienti trattati con Ablatherm® HIFU.

 
Boris, 83 anni

Boris, 83 anni

"Nel 2001, il mio urologo mi conferma un cancro della prostata e mi propone tre opzioni tra cui Ablatherm®. L’urologo mi ha detto o si sottopone a un intervento di chirurgia classica, oppure sceglie la radioterapia, oppure ancora vada dal professor Vallancien per un’ablatermia.”
Per scegliere con cognizione di causa, ho incontrato un esperto della tecnica che mi ha presentato il trattamento Ablatherm®. Non vi erano rischi di incidenti come per la radioterapia, il soggiorno in ospedale era breve, le perdite di urina limitate e nessun trattamento da seguire dopo.”
Convinto, ho beneficiato di un’ablatermia il 19 settembre 2003. ”Il gesto di per sé, per via endorettale, è totalmente indolore. Credo persino di essermi addormentato un attimo durante il trattamento”.
Ho avvertito dei dolori nei primi tre giorni ed ero contento di essere dimesso rapidamente ”senza perdite di urina”.
Oggi sono seguito dal mio urologo, sto bene e il mio tasso di PSA è stabile dall’ablatermia.

Jacques, 70 anni

Jacques, 70 anni

“Quando ad ottobre del 2007, mi hanno diagnosticato un cancro della prostata, il medico mi ha proposto di trattarmi tramite chirurgia, radioterapia o curieterapia. Ho rifiutato drasticamente la prostatectomia totale. La radioterapia comprendeva 35 sedute in 7 settimane, ciò mi era sembrato molto pesante da gestire”. Procedendo per eliminazione e non conoscendo Ablatherm®, Jacques opta quindi per la curieterapia.
L’impianto dei granelli radioattivi avviene a marzo del 2008. “A dicembre del 2008, dopo delle biopsie di controllo che facevano temere una recidiva del cancro, mi sono rivolto al Centro Ospedaliero Universitario (CHU) di Lione per prendere in considerazione un’ablatermia, unico trattamento che consente di ritrattare una prostata già irradiata quando viene provata una recidiva locale. Era la prima volta che il mio medico mi parlava dell’ablatermia.” “Tutte le testimonianze che ho potuto leggere [su Ablatherm®] sottolineano la salvaguardia della qualità di vita e mi fanno rimpiangere di non aver potuto usufruire di questo trattamento in prima intenzione”

Michel, 62 anni

Michel, 62 anni

“Quando nel 2007 il mio medico mi ha annunciato che avevo un cancro della prostata di stadio I, mi ha consigliato di farmi operare, mentre il medico di mia moglie, contrario al 100% all’intervento, optava per una semplice sorveglianza. Mi ha quindi spiegato che potevo scegliere tra l’opzione radioterapia oppure prostatectomia radicale. Non mi ha mai parlato di ablatermia. Ho quindi optato per l’operazione, decisione che oggi rimpiango. Nessuno mi aveva avvertito che dovevo utilizzare 3 o 4 protezioni al giorno”
Dopo 6 - 7 settimane di convalescenza “ho ripreso la bicicletta e mi ha aiutato ad eliminare le perdite, ma ho l’impressione di non essere più lo stesso. Avrei voluto che l’ urologo mi parlasse di questa Ablatherm®. Oggi sono iscritto ad un’associazione di pazienti, spero che le cose cambino e che altri avranno più fortuna di me”.

Elio - 69 anni

Sono residente a Lecce ed il giorno 7/12/2010 ho subito presso l'Ospedale DIVENERE di Bari un'Ablazione termica per tumore prostatico. L'intervento effettuato da mai esperte è stato velocissimo e senza nessun dolore. Sono stato dimesso il 9/12/2010 senza complicazioni di alcun genere ed oggi giorno 11/12/2010 mi sono fatta una lunga passeggiata con grande contentezza e godendomi la natura che mi circondava. La mia vuol essere una testimonianza della bontà di tale trattamento e di incoraggiamento per tutti coloro che per risolvere questo serio problema non vogliono ricorrere in un intervento chirurgico invasivo. Auguri a tutti.

Luigi, 65

Nell'aprile 2010 dalla biopsia risulta un tumore maligno prostatico T2, Gleason 3+3 e PSA 7,8.
Via internet scopro la tecnica HIFU e prendo contatto con il Dott. Lorenzi dell'Ospedale di Massa. A metà settembre il piccolo intervento durato poco più di un'ora, dimesso dopo due giorni.
Dopo 6 mesi sono finiti quasi tutti gli effetti collaterali e posso dire d'aver risolto un problema che mi dava grande preoccupazione.
Sono grato al Dott. Lorenzi ed alla tecnologia HIFU che mi hanno permesso di continuare una vita tranquilla.

Jean, 80 anni

Jean, 80 anni

”L’urologo mi prescrive un trattamento tramite radioterapia […]. Sono un po’ smarrito, dati gli effetti collaterali subiti da amici che avevano scelto la radioterapia e le testimonianze lette in vari forum. Fortunatamente, un amico medico mi ha informato dell’esistenza di un trattamento ad ultrasuoni (Ablatherm®) con buoni risultati.
A novembre del 2004, avevo 76 anni, mi è stata praticata una prima ablatermia su un lobo, in anestesia locale. 5 giorni di ricovero, nessun dolore e il giorno dopo l’ uscita dall’ospedale, sono tornato a casa guidando io stesso la macchina senza difficoltà (300 chilometri). In seguito, non ho avuto nessun effetto collaterale (continenza, virilità). Ad aprile del 2005, mi è stata praticata una seconda ablatermia sul secondo lobo. Il PSA cala e la biopsia programmata per ottobre non ha rilevato nessun tumore.
Alla fine, mi ritrovo a quasi 81 anni in buona salute, un comfort di vita non alterato, un morale saldo, occupazioni che mi fanno trascorrere le giornate fin troppo velocemente: occupazioni sociali (Rotary), intellettuali (informatica, montaggio video), manuali (fai da te, giardinaggio), vita familiare, ecc. ”